Castelbarco

Galleria Antiquaria

Fima - Federazione italiana mercanti d'arte Cinoa - International federation of art & antique dealer associations

San Paolo Apostolo

Giovanni Battista Beinaschi (Fossano 1634 - Napoli 1688)

Giovanni Battista Beinaschi

(Fossano 1634 ca. - Napoli 1688)

San Paolo Apostolo


Olio su tela

cm. 72,5 x 58

In cornice 88 x 74

D20-100 € 5.900 richiedi informazioni
Estratto dello studio di approfondimento

L’opera ci mostra un’intensa immagine di San Paolo apostolo, ritratto secondo la tipica iconografia che lo vede come un uomo maturo ed armato di spada, in virtù della sua battaglia spirituale di cristianizzazione, oltre ad essere il simbolo del suo martirio.

Studiando le caratteristiche stilistiche dell'opera ed i relativi dettagli compositivi, possiamo circoscriverne l'ambito attributivo al pittore tardo-Barocco Giovan Battista Beinaschi, la cui prolifica attività si concentrò soprattutto tra Roma, dove avvenne la sua formazione, e Napoli. Ciò nonostante si spostò frequentemente durante tutta la sua carriera tra Torino, Parma, forse Bologna e Genova, assimilando da ogni luogo variegati influssi artistici.

Se, in un primo momento, mostrò una propensione per il classicismo romano, tale influenza fu presto soppiantata da un sempre più pronunciato avvicinamento al fronte culturale barocco.

Molti critici, in particolare, inquadrano la personalità del Beinaschi nella corrente dei “pittori tenebristi” (sebbene attivo nella seconda metà del Seicento) che si contrapposero sia alle levigatezze del classicismo barocco del Maratta che all’esuberanza del Barocco trionfante di Pietro da Cortona.

In un certo modo la sua pittura è prossima ai modi di Giacinto Brandi ma, prima di tutto, sensibile agli esempi di Giovanni Lanfranco, vero e proprio modello di Beinaschi. Suggestione, questa, cui si aggiunse, già col primo soggiorno napoletano, la conoscenza dell’opera di Mattia Preti, dal cui luminismo a macchia, radente e drammatico, restò profondamente segnato.

Caratteristica principale dello stile pittorico del Beinaschi, e che ritroviamo nella tela presentata, è l'utilizzo di contrasti di luci ed ombre molto forti, capaci di far emergere plasticamente la fisicità del Santo, sottolineata dall’azione luministica sui colori caldi ed intensi, che lo pongono in costante accordo proprio gli esiti di Mattia Preti.


L’opera, come ogni nostro oggetto, è corredata di certificato di autenticità fotografico a norma di legge.

Per qualsiasi informazione, non esitate a contattarci.
  indietro

Dipinti antichi

vedi galleria

Oggetti d'arte

vedi galleria

Mobili

vedi galleria