Castelbarco

Galleria Antiquaria

Fima - Federazione italiana mercanti d'arte

Ritratto di Mattias de' Medici (Firenze 1613 – Siena 1667)

Giusto Sustermans (Anversa 1597 - Firenze 1681) o bottega

Giusto (o Justus) Sustermans (Anversa, 1597 - Firenze, 1681) o bottega

Ritratto di Mattias di Cosimo II de' Medici (Firenze, 1613 – Siena, 1667)


Olio su tela ottagonale

83 x 64 cm.

In cornice 106 x 87 cm.

D21-142 € 7.500 richiedi informazioni


Questo elegante ritratto presenta l’effige di Mattias de' Medici (1613 - 1667), terzo figlio maschio del Granduca Cosimo II de' Medici di Toscana e dell'Arciduchessa Maria Maddalena d'Austria. L’autore lo immortala a mezzo busto posto di tre quarti verso destra, in abiti neri da generale, con uno sguardo fiero mentre con la mano destra impugna il suo bastone, simbolo del comando.

Come ogni membro cadetto della famiglia, Mattias dovette scegliere tra la carriera militare e quella ecclesiastica (evitando di sposarsi per non disperdere il patrimonio famigliare). Optando per la prima strada, già nel 1629, appena sedicenne, fu eletto Governatore di Siena, dove visse per gran parte della sua vita, mentre dal 1632 militò al servizio dell’esercito imperiale ove ebbe modo di distinguersi per il proprio valore, combattendo nelle battaglie cruciali della Guerra dei Trent'anni (1618-1648).

Affascinato dall’ambiente artistico di corte e grande collezionista d’arte, incoraggiò l'interscambio artistico tra Firenze e Siena: il suo interesse si rivolse alla pittura finanziando l'addestramento pittorico di Livio Mehus, molte opere del quale sono elencate nell'inventario dei propri beni redatto nel 1669. Nelle sue residenze Mattias raccolse una cospicua raccolta di dipinto che comprendevano opere di Astolfo Petrazzi, Raffaello Vanni, Giovanni Domenico Cerrini, Giacinto Gimignani ed il fiammino Justus Sustermans.

Ed è proprio al Sustermans che possiamo accostare la produzione della nostra tela, che, come primo ritrattista di corte della famiglia Medici, dipinse Mattias e i suoi fratelli in diverse occasioni per soddisfare la vasta richiesta di ritratti della famiglia regnante.

Battezzato ad Anversa nel 1597, Sustermans si formò inizialmente con il pittore di Anversa Willem de Vos e poi a Parigi con Frans Pourbus il Giovane. Nel 1620 si recò a Firenze, per volere del granduca di Toscana, Cosimo II de' Medici, con un gruppo di arazzieri francesi. L'anno successivo Sustermans fu nominato pittore di corte dei Medici, e rimase legato alla corte come ritrattista per il resto della sua vita, lavorando prima per Ferdinando II e poi per Cosimo III.

Dipinse numerosi ritratti dei Medici, in particolare dei figli di Cosimo II, molti dei quali inviati ad altre corti per scopi diplomatici.

Tra le opere di Susterman che ritraggono Mattias del Medici, possiamo menzionare:

La sua arte, influenzata dal Guercino, da Diego Velazquez e Pierre Mignard, lo rese talmente celebre da essere richiesto anche da altre casate italiane e perciò viaggiò a Parma, Piacenza, Milano, Mantova, Ferrara e Roma.

STATO DI CONSERVAZIONE

Il dipinto si trova in ottimo stato di conservazione, rinfoderato e pulito dalle vecchie vernici ossidate; il dipinto è completato da una bella cornice.

L'opera, come ogni nostro oggetto, viene venduta corredata da un certificato fotografico FIMA di autenticità e lecita provenienza.

Ci occupiamo ed organizziamo personalmente l'imballaggio e la spedizione delle opere d'arte con assicurazione in tutto il mondo.

Per maggiori informazioni, siete invitati a contattarci.

Seguiteci anche su :

https://www.instagram.com/galleriacastelbarco/?hl=it

https://www.facebook.com/galleriacastelbarco/

  indietro

Dipinti antichi

vedi galleria

Oggetti d'arte

vedi galleria

Mobili

vedi galleria