Castelbarco

Galleria Antiquaria

Fima - Federazione italiana mercanti d'arte Cinoa - International federation of art & antique dealer associations

Monogrammista fiammingo dei primi del XVII secolo

La Sacra Famiglia con l’adorazione dei pastori

Monogrammista AH, pittore fiammingo dei primi del XVII secolo

Cerchia di Gerrit van Honthorst (Utrecht 1590-1656)

La Sacra famiglia con l’adorazione dei pastori


Olio su tela 84 x 121 cm.

In cornice 96 x 133 cm.


Monogramma ‘AH’ dell’autore in basso a destra

D21-002 € 7.800 richiedi informazioni


Le scene ambientate al buio, a lume di candela o illuminate da un’unica fonte di luce, sono un genere estremamente diffuso nella pittura fiamminga del Seicento, e molti sono pertanto gli artisti che si cimentarono in tali composizioni, particolarmente influenzati dall'opera del Caravaggio, capaci di ottenere effetti luministici di grande suggestione.

Come ci illustra l’opera proposta, il contrasto tra luce e oscurità non crea dissonanza, ma al contrario i due elementi sono complementari: lo sfondo non esiste più e l’artista attraverso il controllo della luce e dell’oscurità va a plasmare un’atmosfera di forte emotività.

Nel nostro dipinto, le figure ricevono la luce dallo stesso Gesù bambino, sdraiato su lenzuola bianche, con i volti delle figure intorno illuminati dal basso: con questo espediente, dal buio profondo risalta con vigore la loro plasticità.

Maria tiene con le due mani gli angoli del lenzuolo su cui giace il Bambino, mentre lo guarda amorevolmente, con San Giuseppe alle sue spalle. Sulla sinistra tre pastori sono radunati intorno a Gesù per adorarlo e offrirgli i loro doni: una vecchia, con il viso segnato, tiene tra le dita un uovo, uno dei simboli più legati da sempre al concetto di vita e di nascita.

Il pittore è un monogrammista fiammingo (le sue iniziali AH, intrecciate, sono dipinte in basso), non ancora identificato, ma che certamente apparteneva al gruppo dei caravaggisti nordici, attivi specialmente ad Utecht, sulla scia di Gerrit van Honthorst (Utrecht 1590-1656), uno degli iniziatori di tale movimento.

Come consuetudine tra i pittori fiamminghi della sua generazione, attorno al 1610, decisero di intraprendere un viaggio di formazione a Roma, a contatto con l'arte del Caravaggio, da cui subirono la diretta influenza. Lo stile caravaggesco continuò a caratterizzare il loro lavoro anche dopo il ritorno nelle Fiandre, con una pittura caratterizzata dall'uso di un'illuminazione drammatica e dal forte chiaroscuro.

Le condizioni di conservazione dell’opera sono ottime.

Il dipinto, come ogni nostro oggetto, viene venduto corredato di certificato di autenticità fotografico a norma di legge (FIMA - CINOA)

Per maggiori informazioni vi preghiamo di contattarci: siamo a vostra completa disposizione per qualsiasi informazione.

  indietro

Dipinti antichi

vedi galleria

Oggetti d'arte

vedi galleria

Mobili

vedi galleria