Castelbarco

Galleria Antiquaria

Fima - Federazione italiana mercanti d'arte Cinoa - International federation of art & antique dealer associations

Maestro fiammingo della fine del '500

Madonna in Maestà con Bambino ed angeli, tra le Sante Caterina d’Alessandria e Barbara

Pittore fiammingo della fine XVI secolo
Entourage di Marten de Vos (Anversa 1532 - 1603)

Madonna in Maestà con Bambino con angeli, tra le Sante Caterina d’Alessandria e Barbara

Olio su tavola
74 x 104 cm.
Con cornice 86 x 116
Retro del dipinto: stemma impresso in ceralacca

Provenienze precedenti:
Mercato antiquario, Bruxelles
Famiglia De L’Escaille, Bruxelles
D1263 €12.500 richiedi informazioni

Proponiamo nella nostra galleria questo splendido olio su tavola, dipinto tra la seconda metà del XVI ed i primi del XVII secolo, di raffinato gusto pittorico, raffigurante un’articolata Vergine in Trono con Bambino, angeli e due Sante. Si tratta di Caterina d'Alessandria e Barbara, entrambe ritratte incoronate e con i propri attributi iconografici, la prima con la ruota dentata e la palma del martirio, la seconda con la torre sullo sfondo, la spada ed anch’essa con la palma. Molto venerata fin dai primordi della Chiesa Cattolica, divennero soprattutto simbolo della forza della Fede, poiché immolarono le proprie vita per difendere la propria religiosità.

Il pittore ha collocato al centro della composizione la figura della Vergine, seduta, con il Bambino in grembo, irradiata da un fascio di luce dall’alto: l'atmosfera che predomina dalla composizione è di composta sacralità e devozione, con le due schiere di angeli ai lati della Vergine e del Bambino che li omaggiano con fiori e ghirlande, e disposti ricreando la mandorla (allusiva appunto alla figura del Cristo o della Madonna in Maestà).

L’opera, eseguita su tavola di rovere, tipico supporto dell’area delle Fiandre, rispecchia pienamente i tratti caratteristici della pittura fiamminga dell’Età dell’oro; Lo stile del dipinto, la composizione dinamica, la ricchezza di colori intensi, il realismo nell'osservazione e la resa dei dettagli sono elementi che la ricondurrebbero alla mano di un pittore fiammingo della scuola di Anversa, con elementi tipici della seconda metà del Cinquecento;

In particolare i suoi caratteri stilistici ne conducono l’origine all’entourage al maestro Marten de Vos (Anversa 1532 - 1603); come emerge perfettamente dalla nostra opera, de Vos seppe ben amalgamare il tradizionale gusto fiammingo con i caratteri italiani, ereditati dal suo apprendistato presso la bottega di Frans Floris e dal suo viaggio in Italia.

Nell'osservare la tavola ed i suoi particolari, si rimane stupiti dalla qualità esecutiva di quest’opera, da cui emerge la vivacità dei colori, l'attenzione ai dettagli e un’accentuata precisione figurativa, tanto da poterla decisamente accostare alla stretta cerchia del fiammingo.


Cenni biografici: Marten de Vos
Marten de Vos nacque ad Anversa nel 1532 e vi morì nel 1604. Fu attivo soprattutto nel periodo che va dal 1547 al 1603 specialmente nei Paesi Bassi e in Italia. In genere si firma con il Monogramma LB (1551-1600). La cifra artistica di Marten de Vos seguì i dettami della Scuola di Anversa. Fu allievo dell'illustre pittore fiammingo Frans Floris, che a sua volta faceva parte di una corrente italianizzante, e poi del Tintoretto. Quando nel 1552 Marten de Vos si recò in Italia, studiò a Roma, a Firenze e, con Tintoretto, a Venezia. Di questo viaggio, fra le altre opere conservate in vari musei, a Roma, nella Chiesa di San Francesco a Ripa, nella prima cappella si può ammirare la "Concezione" opera del 1555 del pittore fiammingo.
Dopo la morte di Frans Floris nel 1570, Marten de Vos divenne l'artista più importante di Anversa. Le pale d'altare, che costituiscono la maggior parte della sua produzione fino al 1579, sono tipicamente Manieriste, con composizioni raffinate ed eleganti.  La bottega di Martin de Vos è stata la scuola per molti pittori fiamminghi che hanno continuato la sua opera, anche dopo la sua morte, fra questi Hendrik van Balen I, Hendrik de Clerck, Venceslao Cobergher, Pedro Perret e Lodewijk Toeput.


La tavola si trova in buono stato di conservazione. Presenta una parchettatura eseguita professionalmente.

  indietro

Dipinti antichi

vedi galleria

Oggetti d'arte

vedi galleria

Mobili

vedi galleria