Castelbarco

Galleria Antiquaria

Fima - Federazione italiana mercanti d'arte

Madonna con Bambino e Santa Caterina d’Alessandra

Polidoro da Lanciano (Lanciano 1515 – Venezia 1565 ) bottega

Polidoro De Renzi, detto Polidoro da Lanciano
(Lanciano 1515 – Venezia 1565 )
bottega di

Madonna con Bambino e Santa Caterina d’Alessandra


Venezia,  XVI Secolo

Olio su tavola
Dimensioni 42 x 52 cm.
In cornice dorata 55 x 65 cm.
22-143 Venduto richiedi informazioni


Questa piacevole tavola, raffigurante la Madonna con Bambino e Santa Caterina d’Alessandra, presentata in buono stato di conservazione, è un’opera attribuita alla bottega del pittore Polidoro da Lanciano (Lanciano 1515 – Venezia 1565 ), tra i più valenti maestri attivi nel XVI secolo in Italia settentrionale, specificamente nell'area veneta.

Nella tavola l’autore esalta la tenerezza emotiva della scena, con il dolce atteggiamento di Maria nei confronti del figlio, la quale lo regge in equilibro mentre si poggia sulle ginocchia, protratto in avanti verso la Santa principessa, che a sua volta lo sfiora con atteggiamento altrettanto carico di dolcezza e devozione.

La produzione del Lanciano è fortemente caratterizzata da opere destinate alla devozione privata, in cui le figure, rese con eleganza e colte in pose molto naturali, sono qui immortalate all’aperto sullo sfondo di un ampio paesaggio montuoso nel quale si riconosce un piccolo borgo.

Per quanto riguarda i dati stilistici, compositivi e cromatici dell’opera, contraddistinta da un lessico figurativo elegante, emergono i precisi riferimenti alla cultura cinquecentesca veneziana, tizianesca in primis. Polidoro da Lanciano infatti, sebbene non sia mai stato un allievo formale di Tiziano Vecellio, trasse gran parte della sua ispirazione dal maestro, e le sue opere sono state spesso elencate con tale attribuzione.

Negli anni Quaranta del’500 Polidoro fu influenzato dallo stile ornamentale di Bonifazio de’Pitati, che aveva adattato lo stile sperimentato dal suo contemporaneo Palma il Vecchio, mentre verso la fine della sua carriera, negli anni Cinquanta e Sessanta del ‘500, dal classicismo decorativo del Veronese.

Nella tavola si evidenziano non solo il senso artistico e le gestualità tipiche di Polidoro ma anche l'impostazione compositiva e soprattutto la scelta cromatica calda. In particolare la tavola in esame si potrebbe avvicinare al periodo giovanile, ovvero a quello in cui esercitò a favore delle collezioni private con piccoli dipinti d’appartamento, all’epoca in uso a Venezia.

A titolo comparativo, possiamo ritrovare tali elementi, in opere come:

  • Sacra Famiglia e San Giovannino, Museo Civico di Montepulciano (link)
  • Madonna col Bambino, San Giovannino e Santa Lucia, Gallerie dell'Accademia di Venezia (link)
  • Madonna con il Bambino e santi Caterina d'Alessandria e Giuseppe, Collezione Accademia Carrara di Bergamo (link)
  • Madonna col Bambino e Santa, Pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano (link)
  • Matrimonio mistico di santa Caterina d'Alessandria con san Giovannino, Museo di Cà Rezzonico di Venezia (link)

Il dipinto si presenta in buono stato di conservazione con una bella cornice in legno dorato.


INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI:

Il dipinto viene venduto corredato di certificato di autenticità e scheda iconografica descrittiva.

Ci occupiamo ed organizziamo il trasporto delle opere acquistate, sia per l'Italia che per l'estero, attraverso vettori professionali ed assicurati.

Contattateci per qualsiasi informazione, saremo lieti di rispondervi.

Seguiteci anche su :

https://www.instagram.com/galleriacastelbarco/?hl=it

https://www.facebook.com/galleriacastelbarco/

  indietro

Dipinti antichi

vedi galleria

Oggetti d'arte

vedi galleria

Mobili

vedi galleria