Castelbarco

Galleria Antiquaria

Fima - Federazione italiana mercanti d'arte

L'incendio di Troia

Pittore veneto fine XVII secolo, Cerchia di Marco Ricci (Belluno 1676 – Venezia 1730)

Pittore veneto del XVII-XVIII secolo

Cerchia di Marco Ricci (Belluno 1676 – Venezia 1730)


L’incendio di Troia


Olio su tela

50 x 65 cm.

In cornice 69 x 85

D21-031 € 8.500 richiedi informazioni


Vi presentiamo un’opera di pregevole qualità, contraddistinta da un'impostazione scenica di grande impatto e di notevole effetto narrativo, dove l’ambientazione notturna che fa da contorno alle fiamme, ci regala un senso di drammaticità ma pregna di fascino.

Tramite un sapiente utilizzo di sfumati effetti cromatici il profilo della città immersa nella notte è illuminato dal divampare delle fiamme che si liberano nel cielo e si riflettono nel corso d’acqua sulla sinistra.

In particolare, il soggetto attinge dalla mitologia, precisamente dal poema epico dell’Iliade, dove vi è raffigurato l’epilogo della decennale guerra di Troia, grazie allo stratagemma di Ulisse e del suo cavallo in legno, terminata con l’incendio appiccato dai greci e la distruzione della città. Vediamo gli interi edifici, riccamente definiti da architetture classiche, inghiottiti dal fuoco, da cui si propagano delle impotenti colonne di fumo. La Troia dell'antica leggenda è qui presentata con edifici storici della città di Roma, che l'artista ha preso da vari modelli.

Sullo sfondo a destra un'antica torre rotonda circondata da colonne, sotto di essa un fiammeggiante fuoco giallo-rosso. Diversi fuochi luminosi ardenti possono essere visti sparsi sulla città, con forti nuvole di fumo che si alzano verso l'alto, ad oscurare quasi completamente il cielo e rivelare solo la luna in alto a sinistra.

Lo stile dell'opera suggerisce una datazione tra la fine del XVII e i primi del XVIII secolo e trova interessanti affinità con una particolare tipologia di opere, piuttosto rare e con ambientazione notturna spesso illuminate dal bagliore lunare, del veneto Marco Ricci (Belluno 1676 – Venezia 1730), uno dei più importanti protagonisti del paesismo veneto, a sua volta formatosi sui modelli non solo della propria tradizione familiare e culturale, ma altresì sugli esempi nordici di Johann Anton Eismann.

Tra le poche rappresentazioni notturne conosciute di Ricci, possiamo menzionare il capolavoro ‘Paesaggio notturno fantastico’ di Brest al Musée des Beaux-Arts (inv. 68-5-1) (vedi sotto: imm1), quelle conservate nel castello di Howard Yorkshire, e altre due in collezioni private europee, tra cui l'Incendio notturno in una città italiana (Hampel Monaco, 19 giugno 2012, lotto 263: https://www.hampel-auctions.com/archive-catalogue-detail.php?a=89&s=-1&id=504265&kid=218)

L’opera è conservata in ottime condizioni.


Come ogni nostro oggetto, l’opera viene corredata di certificato di autenticità e scheda descrittiva (FIMA).

Per qualsiasi informazione, non esitate a contattarci.


imm1.

Ricci Marco (1676-1730), Paysage, Brest, Musée des Beaux-Arts, inv. 68-5-1

Paysage nocturne fantastique - Marco Ricci
  indietro

Dipinti antichi

vedi galleria

Oggetti d'arte

vedi galleria

Mobili

vedi galleria