Castelbarco

Galleria Antiquaria

Fima - Federazione italiana mercanti d'arte

Cornelis De Man (Delft 1621 - Delft 1706)

Compagnia musicale in un interno

Cornelis de Man
(Delft 1621 – 1706)

Compagnia musicale in un interno


1670 circa

olio su tela, 100 x 84,5 cm.
in cornice 124 x 109 cm.

L'opera è accompagnata da un expertise del Dr. Fred G. Meijer (Amsterdam)

D20-118 € 35.000 richiedi informazioni


Questo dipinto è un'opera eccellente e interessante di Cornelis de Man (1621-1706), senza dubbio dipinta a Delft intorno agli anni '70 del Seicento. A Delft de Man dipinse molte scene di genere, e le sue opere possono essere associate a quelle dei suoi concittadini Pieter de Hooch e Johannes Vermeer.

De Man era molto interessato alla rappresentazione prospettica e questo è evidente anche nei suoi interni di genere, che spesso includono motivi architettonici.

Nato a Delft, lo sviluppo artistico di Cornelis de Man include brevi soggiorni sia a Parigi che a Lione, prima di dirigersi verso il sud Italia, dove si stabilisce a Firenze, Roma e Venezia. Entro l'anno 1653, de Man tornò a Delft dove iniziò una carriera come pittore di successo e rimase fino alla sua morte nel 1706, salvo un breve soggiorno all'Aia nel 1700.

Divenne membro della gilda di San Luca di Delft già nel dicembre 1642 e ne fu capo diverse volte tra il 1657 e il 1680.

È noto soprattutto per le sue scene di interni con famiglie borghesi, chierici e studiosi. Oltre a ciò, de Man ha prodotto un'unica natura morta conosciuta ed alcuni ritratti e interni di chiese. Quest'ultima, così come le sue scene di genere, risalgono per lo più al 1660 e al 1670. Sembra che non abbia dipinto molto dopo il 1680.

Come mostrano gli interni delle sue chiese, de Man era molto interessato alla prospettiva e questo è evidente anche nei suoi interni di genere, che spesso includono interessanti motivi architettonici.

Ad esempio, la copertura lignea del camino nel dipinto in esame, con una tenda sottostante, appare molto simile in un dipinto con un uomo che pesa l'oro e in un dipinto di un mercante di curiosità (fig. 2 e 3). Nella prima lo stesso tondo di Cristo adorna la copertura, e anche le travi del soffitto vi giocano un ruolo importante.

Altri esempi mostrano una finestra opposta con la luce che entra in modo simile (fig. 3 e 4).

Ci sono pochissimi esempi datati dell'opera di de Man, ma i costumi delle figure spesso forniscono un'indicazione. Dalla cronologia che si può così stabilire, sembra che i dipinti di de Man diventino via via più affollati, un po' meno raffinati nella loro esecuzione e più morbidi nella loro coloritura. Tuttavia, la sua attenzione e il suo amore per i dettagli sono rimasti gli stessi.

Anche le pose e i tipi di figure nel nostro dipinto si adattano bene a Cornelis de Man. Gli piaceva rappresentare la figura girata a metà rispetto allo spettatore, e molti degli uomini nelle sue scene domestiche indossano un berretto da casa, come il suonatore di arpa nel tuo dipinto (fig. 2, 4 e 6).

Il tema di una compagnia musicale era allora molto popolare e se ne trovano molti esempi, tra gli altri da Pieter de Hooch, circa dello stesso decennio (fig. 7). Si può dire che rappresentino l'armonia domestica e familiare. Di solito gli strumenti includono strumenti ad arco ed a fiato, come nel nostro dipinto, ma l'arpa è una rarità in tali immagini.

Il dipinto è completato da una piacevole cornice il legno dorato.

Per qualunque informazione aggiuntiva contattateci.

fig 2 Cornelis de Man, oil on canvas, 81,6 x 67,6 cm. Art market, 1998.

fig. 3 Cornelis de Man, oil on canvas, 94,6 x 86,8 cm. Art market, 2020.

fig. 4 Cornelis de Man, oil on canvas, 74,3 x 65,7. Art market, 1989

fig. 5 Cornelis de Man, oil on canvas, 82,5 67,5 cm. Art market, 1995.

fig. 6 Cornelis de Man, oil on canvas, 81 x 68 cm. Hamburg, Kunsthalle, inv. no. 239

fig. 7 Pieter de Hooch, signed, oil on canvas, 92 x 105,5 cm. Copenhagen, Statens Museum for Kunst, inv. nr. KMSsp613



  indietro

Dipinti antichi

vedi galleria

Oggetti d'arte

vedi galleria

Mobili

vedi galleria