Castelbarco

Galleria Antiquaria

Fima - Federazione italiana mercanti d'arte

Bottega di Peter Paul Rubens (1577- 1640)

Natività con Adorazione dei Pastori

Dipinto ad olio su tavola di alto valore qualitativo, opera riconducibile alla bottega di Peter Paul Rubens (Siegen 1577- Anversa 1640)

Natività con Adorazione dei Pastori
Pittore fiammingo della prima metà del XVII secolo
Bottega di Peter Paul Rubens (1577- 1640)

Inizi XVII secolo
Dipinto ad olio su tavola, 104 x 74 cm.
con cornice 105 x 136 cm
D21-046 Venduto richiedi informazioni

Il dipinto proposto, opera di eccellente qualità pittorica, raffigurante l’Adorazione dei Pastori, si ascrive senza esitazione alla fiorente bottega di Peter Paul Rubens ed è pertanto databile entro la prima metà del Seicento. Pochi i dubbi di tale attribuzione, sia per la materia dei pigmenti utilizzati, sia per la presenza della chiara ed inconfondibile gestualità del maestro, pilastro della pittura barocca fiamminga, grandiosa e trionfale nella composizione d’insieme.

Il dipinto è desunto, sebbene con la scena ripresa in simmetria, da un’invenzione che Pietro Paolo Rubens realizzò tra il 1617 ed il 1619 (olio su tavola 67 x 102 cm, https://rkd.nl/en/explore/images/57989), commissionato per la chiesa di Saint-Jean de Malines, in Belgio. Fu sottratta nel 1794 dai francesi dove ancora si trovava e portata al Museo del Louvre fino al 1803, quando fu ceduta al Musée des Beaux-Arts de Marseille.

Pur essendo una tavola di dimensioni importanti (le medesime del prototipo), meritano di essere menzionati la forza espressiva con con cui sono stati riprodotti i volti ed i corpi dei personaggi, resi con maestria tecnica, che inducono il fortunato osservatore a scrutarne ogni sfumatura dei dettagli. La teatralità della scena, alla pari del prototipo rubensiano, è avvalorata dai colori vivi, intensi e brillanti, nonché dalla forza dei colpi di luce che squarciano l’oscurità dello sfondo.

Dal punto di vista tecnico saremo indotti a considerare la nostra opera come un interessante dipinto provenente dalla bottega, presumibilmente eseguita dalle maestranze per accontentare le numerose richieste per tale soggetto.

In seguito al suo rientro dall'Italia, nel 1608, ed alla grande fama raggiunta, Pieter Paul Rubens fondò ad Anversa una bottega tra le più fiorenti d’Europa, organizzata con criteri di piccola industria, dove utilizzava un gran numero di collaboratori e allievi, ognuno esperto in singole specializzazioni.

Relativamente al nostro dipinto sono stati trovati diversi disegni preparatori (una parte oggi è custodita all’Albertina di Vienna), testimonianza che nella bottega di Rubens già dopo la realizzazione del prototipo erano presenti numerosi varianti. Era del resto tipico il conservare prototipi delle opere destinate a committenze importanti, per poter realizzare in caso di necessità veloci repliche.

Una composizione simile è registrata nella collezione Barbara Piasecka Johnson di Princeton (New Jersey) e proveniente da un'asta di Christie's Londra, 13 luglio 2001 lotto 20 (https://www.christies.com/lot/lot-attributed-to-willem-van-herp-1614-1677-the-2097186/?from=salesumm...), esitato con attribuzione al pittore Willen Van Herp, attivo ad Anversa dopo aver condotto un alunnato con il celebre maestro, il cui stile influenzerà poi la sua produzione. Oltre al Van Herp, molti sono gli artisti fiamminghi che potrebbero ricondursi al nostro dipinto, anche se risulta difficoltoso risalirne ed uno in particolare; tra questi Jacob Jordaens, Gerard e Daniel Seghers, Frans Snyders, Jan Boeckhorst, Hendrick van Balen, Erasmus Quellinus il Giovane, Gaspar de Crayer e Artus Wolffor, fedeli collaboratori che assorbirono la medesima ricchezza del vocabolario estetico ideata da Rubens.

L’opera si presenta in ottimo stato di conservazione. Con cornice fiamminga in legno nero laccato.

Per ulteriori informazioni inerenti l’opera, siete invitati a contattarci, senza impegno.
Dipinto corredato di certificato di autenticità fotografico a norma di legge (FIMA)

  indietro

Dipinti antichi

vedi galleria

Oggetti d'arte

vedi galleria

Mobili

vedi galleria